8 Novembre 2016

Il Verdicchio dell'azienda Mencaroni

Federico e Sonia, vi rivolgo un paio di domande per la nostra intervista

Il Verdicchio è uno dei grandi vitigni italiani che produce importanti vini da invecchiamento. Le caratteristiche pedoclimatiche dei vostri vigneti vi hanno portato ad una scelta innovativa, spumantizzare questo nobile vitigno. Qual'è secondo voi il suo potenziale per la produzione di vini spumanti metodo classico?

<<Il Verdicchio presenta nel mese di agosto dati tecnologici interessanti per la spumantizzazione con metodo classico. I principali valori rappresentati da acidità totale, pH e zuccheri si riscontrano generalmente tra la terza e la quarta settimana del mese e presentano un equilibrio perfetto per la vinificazione della "base spumante", ovvero del vino fermo che verrà successivamente preparato per la presa di spuma.

La presenza o l'assenza di tale equilibrio ci fa capire quale vino sia più o meno adatto alla spumantizzazione; nel nostro caso il Verdicchio ha valori paragonabili a quelli di uno Chardonnay della zona Champagne, cioè acidità elevata pari o maggiore a 10g/lt, pH ridotti intorno a 2,9 e un potenziale alcolico tra 10,5 e 11%.

A tutto questo si aggiunge una componente aromatica del vitigno tanto delicata da non renderlo né invasico né eccessivo al naso e in bocca. Le ormai riconosciute potenzialità di inviecchiamento del vino fermo possono essere naturalmente ricondotte alla sua forma spumantizzata.>>

Quali sono le caratteristiche del vostro terroir?

<<Il terroir,  caratterizzato da suoli bianchi, argillosi e a elevato calcare, è sintetizzato nel concetto stesso del vitigno autoctono e quindi della nostra DOC.>>

Ci vediamo a Vino è il 12 e il 13 Novembre a Firenze

A cura di Livio Del Chiaro

Un mondo di gusto
e passione!