9 Novembre 2016

Il Terreno Flysch e l'influenza sul vino da cui è prodotto.

Chiedo a Filippo Zamolo dell'azienda Aquila del Torre una curiosità circa il suolo dei lori vigneti

Il terreno di Aquila del Torre consiste nel Flysch, ci può spiegare in cosa consiste questo tipo di terreno e che influenza ha sui vitigni e sui vini?

<<Il terreno di Aquila del Torre consiste nel Flysch (una stratificazione) di marne e arenarie di 45 milioni di anni d’età, risalente quindi all’epoca Eocenica.

Questo suolo in principio costituiva il fondo marino e lagunare, che nel tempo ha formato le colline su cui ora giacciono i vigneti. Ciò è
fondamentale poiché le viti affondano le radici in questo terreno, traendone grande mineralità, conferendo sapidità ed intrinseca freschezza ai vini.>>

Fra i vostri vini troviamo OASI, un vino bianco secco a base Picolit, a cosa è dovuta la scelta di produrre questo vino?

<<La nostra è una delle aziende con il maggior numero di ettari di Picolit, circa 4. Il Picolit è da sempre il vino più nobile e famoso della zona di Savorgnano ed in particolare di Aquila del Torre, che vanta una storica ed importante produzione.

Nel 2010 ecco l'idea di vinificare parte delle uve anche in una versione secca, ricalcando una classica vinificazione in bianco con affinamento in botte piccola. Nasce quindi OASI, un vino dalle inconfondibili note dolci tipiche del vitigno, intrinseche ad un emozionante connubio di acidità, freschezza e mineralità.

Il motivo principale è quello di valorizzare al massimo questa difficile e delicata varietà, arrivando ad essere l'unica azienda in Friuli Venezia Giulia a produrre ben due tipologie di vino Picolit, una dolce da uve passite ed appunto una versione secca.>>

Sarà possibile degustare di persona l'influenza del terreno Flysch nei vini di Aquila del Torre a Vino è; prenotate ora il vistro ingresso: http://www.vinoe.it/#nav-acquista

A cura di Bianca Ciatti

Un mondo di gusto
e passione!